5 segreti per vincere la battaglia spirituale

Vadim Ratnikov I Shutterstock

padre José Eduardo De Oliveira E Silva – Aleteia pubblicato il 10/04/18

Una via efficace per sconfiggere il demonio

In questi giorni, alcuni fatti hanno risvegliato la mia sensibilità per capire meglio la dinamica di quella che definiamo la BATTAGLIA SPIRITUALE.

Ecco alcuni principi. Vi chiedo di leggere il testo fino alla fine.

  1. LEGALITÀ. Nel regno spirituale, tutto è retto dal principio della legalità. Quando il nemico ha acquisito un diritto legale su qualsiasi settore della vostra vita, lo usa come base a partire dalla quale conquista altri territori, fino a dominare completamente. Individuate qual è la base di legalità che è nelle mani del nemico. Può essere un peccato, una dichiarazione negativa, una parola maligna che vi è uscita dalla bocca…
  1. AUTORITÀ. Una volta identificata la base su cui si fonda il nemico, non abbiate paura: avete autorità! “Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra i serpenti e gli scorpioni e sopra ogni potenza del nemico; nulla vi potrà danneggiare” (Luca 10, 19). Gesù ha trasferito alla sua Chiesa, e quindi anche a voi, il suo potere, e voi siete stati costituiti come ufficiali giudiziari nel Regno di Dio. Cosa fa un ufficiale giudiziario? Ordina l’arresto e il bandito viene arrestato, per forza di legge! Quando dite che qualcosa è proibito, è proibito; quando dite che è libero, è libero. Il nemico sa che deve obbedire.
  2. FORZA. Gesù ha dichiarato che il diavolo è “un ladro e un brigante” (Giovanni 10, 1). Ciò vuol dire che non si consegnerà facilmente. Il nemico adora fare il suo show, gridare, apparire, resistere, mettere ostacoli… Ma non desistete, perché “dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono” (Matteo 11, 12). Con il demonio ci sarà sempre una lotta, ci sarà sempre una battaglia, ma se perseverate lo intrappolerete, e lui, totalmente bloccato, non potrà danneggiarvi. Alla fine dovrà arrendersi!

Padre José Eduardo de Oliveira